IMG_7614

Ciao ragazze,

finalmente sono passati i 40 giorni dal parto e possiamo riprendere ad allenarci. Fantastico, ma come fare? Magari a 40 giorni il nostro cucciolo è ancora impegnato a dormire la maggior parte del tempo, ma crescendo rimarrà sempre più tempo sveglio e attivo e richiederà la vostra attenzione. Magari non avete sempre a disposizione qualcuno che possa giocare con lui mentre voi vi prendete del tempo per il vostro benessere e quindi ecco che arriva la domandano: allenamento con i figli si o no?

Vediamo insieme quali possono essere i pro ed i contro dell’avere con se i bimbi durante un allenamento:

SI perché:

  • Libertà: non abbiamo bisogno di fare voli pindarici per ritagliarci un’ora di tempo per poter fare l’allenamento. Se i nostri bimbi sono con noi basterà vestirsi comode ed allenarsi in loro compagnia e magari poi fare una doccia tutti insieme (sembra una questione secondaria, ma quando i bimbi sono piccoli e di età diverse non puoi lasciarli da soli in salotto mentre fai la doccia serenamente). Quando Beki aveva meno di 2 anni l’ho portata anche in palestra con me, per lei era come un gigantesco parco giochi e si è sempre divertita molto.
  • Siamo un esempio: Far vedere ai nostri piccoli che ci alleniamo è sicuramente un ottimo esempio per loro che ci guarderanno come fossimo supereroi e cercheranno a loro volta di provare a fare gli esercizi che ci vedono fare. Capiranno che è importante prendersi cura del proprio corpo, sentirsi bene ed in forma.

No perché:

  • Meno concentrazione: l’allenamento richiede molta concentrazione, non si tratta solo di muoversi ma di essere consapevoli del muscolo che si sta allenando e di rivolgere a lui tutta la nostra attenzione. Inoltre generalmente ci sono tempi di recupero che non sono solo messi li a caso da noi istruttori ma che servono ai fini di un allenamento efficace. Per quanto possiamo impegnarci l’avere i nostri figli intorno non ci permette di essere presenti con la testa al 100%. Aumenta il rischio di farci male e la resa dell’allenamento in se è molto inferiore poiché risulta difficile eseguire il numero esatto di ripetizioni o mantenere i tempi di recupero programmati.

Quando posso scegliere preferisco potermi allenare da sola, anche perché Rebecca non è la bimba che mentre mi alleno si siede e gioca con i lego 1 ora. Vuole interagire con me, mi chiede come fare i miei esercizi, appena mi vede a terra vuole giocare e mi salta sopra, di conseguenza mi distraggo veramente tantissimo. Se lei mi chiede qualcosa mentre mi alleno non riesco a dirle “Rebecca adesso la mamma sta pensando a se stessa, a te ci pensiamo dopo” (ovviamente non con queste parole ma ho paura sempre che sia questo quello che recepisce) quindi quando mi chiede qualcosa le rispondo subito perdendo ogni volta il filo del mio allenamento.

Detto questo se mi allenassi solo quando riesco ad avere 40′ tutti per me farei davvero 1 allenamento ogni 15 giorni, così spesso mi alleno anche mentre ci sono le mie bimbe. In questo caso cerco di eseguire gli esercizi più semplici in modo che se anche mi distraggo non rischio l’infortunio (ad esempio non mi metto a fare il massimale di stacchi) e di coinvolgere anche loro nel mio allenamento.

Come sempre, sono pronta ad ascoltare le vostre esperienze. Ditemi i vostri pro e contro di allenarvi con i vostri bimbi!