Ciao Ladies,

mano a mano che vado avanti con questo blog mi rendo sempre più conto di quanto poco si parli di pavimento pelvico e quanto sia sottovalutata la sua importanza.

Abbiamo parlato negli articoli precedenti del suo ruolo, di come allenarlo, ma non vi ho ancora detto come imparare a percepirlo. Ci sono infatti delle posizioni e dei piccoli espedienti che possono aiutare a scoprire come contrarre volontariamente questo muscolo.

Vediamoli insieme:

  • Trattenere la pipì durante la minzione. Questo è uno dei metodi più semplici e più consigliati dai professionisti. Durante la minzione cercate di bloccare il flusso, sentirete una contrazione che tende a spingere verso l’alto. Quello è il pavimento pelvico. Spesso questa tecnica viene usata come vero e proprio allenamento, SBAGLIATISSIMO!! Trattenere più volte la pipì può infatti portare più facilmente all’insorgere di cistiti, quindi, usate questo metodo per sentirlo ma MAI per allenarlo.
  • Baciare e aspirare. Una volta ho partecipato ad un corso tenuto da una professionista del pavimento pelvico che ci raccontava di come il pavimento pelvico faccia esattamente tutto quello che fa la nostra bocca. Ragazze, è verissimo. Sedetevi a terra in una posizione comoda (a gambe incrociate con un cuscino sotto al sedere o con le gambe semi flesse in avanti) e cercate di imitare lo schiocco del bacio o l’aspirare aria da una cannuccia. Contemporaneamente sentirete il pavimento pelvico contrarsi e salire verso l’alto.

Questi sono due dei metodi che ritengo più semplici per riconoscere il Pavimento Pelvico, ma vediamo ora come fare ad accorgersi se effettivamente riuscite a contrarlo volontariamente oppure no:

  • Chiedere conferma al proprio ginecologo
  • Effettuare l’esame digitale esterno ed interno. Per effettuare l’esame digitale esterno posizionate un dito nello spazio tra la vagina e l’ano e provate a contrarre il pavimento pelvico, dovreste sentire questa zona indurirsi sotto le vostre dita. Per quanto riguarda invece l’esame digitale interno inserite un dito all’interno della vagina ed ancora una volta cercate di contrarre il muscolo, dovreste sentire una sensazione di costrizione intorno al vostro dito e le pareti vaginali stringersi ad esso.

Molto importante è distinguere bene la contrazione del pavimento pelvico da quella dei glutei. Concentratevi sul mantenere i glutei rilassati durante gli esercizi che andrete ad effettuare, solo una volta che padroneggerete bene il pavimento pelvico potrete inserire anche muscoli accessori.

Se avete qualche dubbio o domanda scrivetemi nei commenti o in privato via mail o su Facebook o Instagram!!

Buon lavoro!