Ciao Ladies,
oggi voglio parlarvi di come approcciarvi alla fase di recupero dopo il parto per farlo però voglio cominciare con una piccola premessa.

Abbiamo spesso parlato dei cambiamenti che avvengono durante la gravidanza ma soffermiamoci un attimo a pensare fino in fondo che cosa succede al nostro corpo: a mano a mano che i mesi passano il bacino si allarga per far posto all’utero che cresce insieme al bambino. Sempre per far spazio all’utero gli organi interni si spostano verso l’alto e posteriormente portando avanti le loro funzioni. Il volume del sangue aumenta arrivando quasi al 50% in più del volume iniziale e tutto il sistema ormonale viene riadattato a questa nuova situazione. Il peso totale aumenta sovraccaricando in modo più o meno consistente le articolazioni, il sistema circolatorio e linfatico. Tutti questi cambiamenti fanno si che la donna possa creare un piccolo miracolo che verrà al mondo dopo 9 mesi attraverso un parto (naturale o cesareo).

Questi cambiamenti, non sono cambiamenti da nulla. Il corpo richiede tempo per rispondere agli stimoli creando delle modifiche. Lo stesso discorso vale per il processo inverso. Se ci avete messo nove mesi ad arrivare a quel punto non potete aspettarvi di metterci 2 settimane e rivedere il vostro addome piatto, soprattutto se prima della gravidanza e durante la gravidanza non avete fatto attività fisica. Pensate che l’utero stesso richiede 40 giorni per tornare alla sua posizione e dimensione d’origine. 40 giorni.

Il riposo è alla base di un recupero completo e funzionale 

Vediamo insieme quali sono le tappe FONDAMENTALI per ottimizzare il vostro recupero:

  • Primi 15 giorni dopo il parto: RIPOSO TOTALE. Cercate di passare la maggior parte del vostro tempo sdraiate. Non sedute, sdraiate. Non dovete in alcun modo caricare il pavimento pelvico, nemmeno se avete avuto un parto cesareo. Lasciatevi aiutare, non fate le faccende di casa, non cucinate, non state in piedi troppo tempo sperando che cominciando subito a muovervi perderete prima i kg presi in gravidanza. NON è così. 15 giorni sono la base per riprendere fiato, farvi coccolare e passare il tempo cuore a cuore con il vostro piccolo, instaurando la base del vostro rapporto.
  • Dai 15 ai 40 giorni dopo il parto: Continuiamo a considerare il riposo fondamentale per il vostro recupero, ma ora potete cominciare a dedicarvi ad un pochino di consapevolezza corporea, di respirazioni profonde, di attivazione della circolazione da sdraiate e di attenzione rivolta al vostro corpo. Riprendete contatto con il vostro core, fondamentale per passare poi ad esercizi più complessi. Aiutate la circolazione con esercizi per le gambe ma tutto sempre completamente in scarico. Se in questa fate sentite ancora dolore al pavimento pelvico ASPETTATE. Anche io non sono riuscita a ricominciare prima dei 40 giorni, ogni volta che respiravo profondamente sentivo male nella zona del pube e quindi ho continuato con il riposo.
  • Dai 40 giorni ai 3 mesi: se dopo i 40 giorni ricevete il benestare del medico o del ginecologo o dell’ostetrica allora potete ricominciare dalle basi ad allenarvi, dove con basi intendo: respiro, connessione con la muscolatura profonda dell’addome, attivazione del core e camminate (no corsa). Gli esercizi a corpo libero possono essere svolti favorendo quelli a terra. Evitare i sovraccarichi quindi per ora solo carico naturale. Come sempre se sentite dolori fate un passo indietro.
  • Dai 3 ai 6 mesi: si possono cominciare a strutturare degli allenamenti veri e propri. NON sono concessi ancora sforzi intensi ma si può cominciare a crescere per gradi;
  • Dai 6 mesi: se avete seguito tutte le tappe, avete rispettato il vostro corpo e se avete la certezza che abbiate recuperato le basi necessarie (ovvero pavimento pelvico e diastasi sotto controllo)  per affrontare allenamenti più intensi allora potete ritornare un pò per volta a svolgere gli allenamenti che eseguivate prima della gravidanza.
    Ci tengo a sottolineare che il pavimento pelvico in particolare potrebbe non aver ancora recuperato la piena funzionalità ed in questo caso sarebbe meglio evitare di stressarlo in modo eccessivo durante gli allenamenti.

Come dicevo all’inizio dell’articolo dovete concedere al vostro corpo almeno 9 mesi per poterlo sentire rispondere come prima. Considerate che di norma si considera un recupero al 100% dopo tre anni dal parto, ma la maggior parte del recupero se si segue un programma adeguato avviene intorno all’anno.

Ovviamente io parlo di muscolatura e strutture corporee, per quanto riguarda la pelle stessa quello è tutto un altro discorso che purtroppo dipende poco da cosa fate voi e molto dalla genetica.

Quindi neo mamme, abbracciate il vostro piccolo, respirate il suo profumo e godetevi questo momento perfetto per quello che è. 

A tutto il resto ci penseremo dopo, insieme!